Increase font size Decrease font size Default font size Narrow screen resolution Wide screen resolution Auto adjust screen size
Passato Stampa E-mail
D E G A G N A  D I  T A R N O L G I O  I N  P I A N O Faido


Il primo documento del nostro archivio risale al 25 luglio 1897 ed è il Verbale della risoluzione per la suddivisione del bosco di Traseggio fra la Degagna di Osco e la Degagna di Tarnolgio in Piano.

La Degagna assume la fornitura dell'acqua potabile per tutto il comprensorio del Comune di Faido tra la fine dell'800 e l'inizio del 900, ampliando la rete idrica originaria realizzata per i Degagnesi.

Nel contempo è sempre mantenuta la proprietà e la gestione del bosco di Traseggio.

Il primo Catalogo dei Fuochi Utenti della Degagna risale al 1 gennaio 1904. 

Il progetto per la captazione delle sorgenti del riale Formigario dell’ ing. Giuseppe Vela è dell'aprile 1907.
Il progetto per la condotta Gotthardbahn in zona stazione è del maggio 1908.

La documentazione bilanci e investimenti risale al 1931 ed è stata ripresa in una tabella riassuntiva.
 
Il regolamento dei Proprietari dei diritti d’acqua dell'acquedotto delle Vallette è stato adottato dall’assemblea del 16 dicembre 1954 e i proprietari sono menzionati nella distinta del 1 ottobre 1981 dell’Ufficio del registro fondiario.

Dal 1 gennaio 2001 sono stati installati su tutto il comprensorio i contatori di consumo dell'acqua, per equità ed incentivazione ad un consumo parsimonioso conseguente alle penurie ricorrenti. I risultati sono stati assolutamente positivi. 

I quantitativi d’acqua oggi sufficienti ci hanno permesso di evitare nuovi investimenti in opere di captazione per nuove sorgenti; mentre negli ultimi decenni grossi investimenti sono stati realizzati per il rifacimento delle reti di distribuzione e di adduzione, oltre alla costruzione di tre nuovi serbatoi. 

Sin dall’inizio sono state applicate tariffe tra le più basse del cantone, che non sono mai state aumentate. 
La Degagna è sempre riuscita a contenere le spese, a chiudere ogni anno i bilanci in pareggio e ad'effettuare importanti ammortamenti per essere sempre pronta a nuovi investimenti.

La documentazione tecnica degli impianti è stata raccolta nel manuale ufficiale Acquati.

 

Nel 2007 la Degagna intraprende l'iniziativa di costituire la Biblioteca Ennio Cattaneo, presso il Palazzo patriziale a Faido, grazie al lascito dell'imponente collezione di libri del precedente Presidente.

Durante alcuni anni è stato inventariato tutto il materiale ricevuto, è stato studiato il concetto ed il regolamento per l'utilzzo pubblico della biblioteca ed è stato approntato il sito web per la consultazione e la riservazione in rete dei libri e dei documenti.

Il 28 novembre 2010 è stata ufficialmente inaugurata la Biblioteca della Degagna alla presenza delle autorità e della popolazione.